Si è verificato un tragico incidente di caccia in Umbria, il secondo in pochi giorni dopo quello di Assisi. La vittima è Daniele Tardocchi, un uomo di 45 anni di Spoleto, che è morto per un colpo accidentale partito dal suo stesso fucile.

L’incidente si è verificato ieri mattina in un’area impervia della frazione di Balduini, tra i boschi della zona che divide il territorio di Spoleto da quello di Terni della Valserra, non lontano dall’abitazione del 45enne.

Daniele Tardocchi era un agente di polizia in servizio al commissariato di Spoleto e padre di una bambina di tre anni. Era impegnato in una battuta di caccia alla beccaccia con un amico e un collega di lavoro. Il soccorso è stato prestato dal collega di lavoro, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.