Condannato anche dalla Corte dei Conti e dovrà risarcire 42mila euro al Ministero della giustizia. La Procura contabile gli ha contestato un danno erariale relativo allo svolgimento di attività lavorativa extraistituzionale retribuita e non autorizzata, emerso a seguito di una condanna civile per un contenzioso su dei lavori edili effettuati a Roma.

I 42mila euro sono stati considerati la somma che il 52enne avrebbe percepito e non riversato all’amministrazione di appartenenza, svolgendo un doppio lavoro nonostante gli fosse vietato.

Le giustificazioni dell’assistente capo della Penitenziaria non hanno convinti i giudici. La sua condotta è stata considerata infatti “senza dubbio caratterizzata dall’elemento psicologico della colpa grave, dovendo ben conoscere il pubblico dipendente i doveri derivanti dal rapporto di pubblico impiego, ivi compreso il regime delle incompatibilità”.

SOURCEilcaffe.tv
PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.