TRAPANI – Non erano atleti ma clandestini, i due stranieri rintracciati sabato scorso a largo delle coste di Pantelleria, a bordo di un kayak.

I due, entrambi tunisini, stavano per raggiungere l’isola quando sono stati beccati da una motovedetta della Capitaneria di Porto e poi condotti successivamente a Trapani.

Qui gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Trapani, dopo un lavoro effettuato in equipe con i colleghi della Polizia scientifica e dell’Ufficio Immigrazione, li hanno identificati, nonostante in precedenti occasioni avessero fornito diversi alias.

A loro carico sono risultati così dei divieti di reingresso sul territorio nazionale, emessi da altre questure italiane, a seguito delle espulsioni eseguite nei mesi scorsi.

Per i due intraprendenti clandestini, entrambi con numerosi precedenti penali e di polizia, sono così scattate le manette.

SOURCEnewsicilia.it
PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.