Una ragazza di 20 anni, segregata in casa dei genitori a Mantova, è stata liberata dalla polizia. Gli agenti sono intervenuti dopo la chiamata di un’amica della giovane, cittadina tunisina. Entrati nell’abitazione della famiglia, la polizia ha parlato con la ragazza, che ha riferito di volersi allontanare immediatamente dai genitori e dai fratelli, dicendosi terrorizzata dal fatto che i suoi familiari volevano riportarla contro la sua volontà in Tunisia. Gli agenti hanno quindi deciso di accompagnarla con una scusa in Questura, dove la ventenne ha ribadito la volontà di allontanarsi dalla casa della famiglia.

Da parte sua il padre, già denunciato in passato assieme alla moglie per maltrattamenti in famiglia da parte di un’altra figlia minorenne, che in quella occasione era stata collocata in una struttura protetta, si è difeso dicendo di non aver mai messo dei limiti alla libertà della figlia, pur riferendo agli agenti della sua intenzione di acquistare i biglietti aerei per recarsi nel Paese di origine con tutta la famiglia.

La ragazza, alla quale sono stati restituiti passaporto e permesso di soggiorno, trattenuti dai genitori, si è trasferita in casa di alcune amiche in attesa di ulteriori accertamenti. La polizia ha denunciato i fatti alla Procura di Mantova e il questore Paolo Sartori ha disposto l’avvio del procedimento amministrativo per una misura di sicurezza personale nei confronti dei genitori della giovane.

SOURCErepubblica.it
PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.