Desta scalpore la diffusione di un video in cui un poliziotto arresta un bimbo di 8 anni, avvenuto nel 2018 in Florida, e che da qualche giorno circola online. Il minore, che presenta alcune disabilità, avrebbe picchiato un insegnante della scuola elementare che frequenta. Il filmato dell’arresto è stato condiviso nella tarda notte di domenica dall’avvocato Benjamin Crump su Twitter e già lunedì era stato visto più di un milione di volte.

L’avvocato ha anche spiegato che il piccolo, a causa delle sue disabilità, era uno studente con bisogni particolari e con un piano educativo personalizzato. Lo sconcerto per il contenuto del filmato che mostra un poliziotto che arresta un bimbo di 8 anni, proprio per questo motivo, è ancora più forte.

«L’insegnante ha chiamato la polizia, che lo ha minacciato di carcere e ha cercato di metterlo in manette. Le accuse sono cadute perché il bambino era troppo piccolo». Secondo Crump l’incidente è stato un esempio di come i sistemi educativi e di polizia «addestrino i bambini a essere criminali trattandoli come criminali».

Condividi
  • 257
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    257
    Shares