Si è incontrato in segreto con l’amante positiva al coronavirus e così facendo non solo ha violato le norme imposte dai decreti governativi ma ha anche contagiato suo figlio di 13 anni.

È quanto avvenuto a Rovigo come racconta il direttore generale dell’Ulss locale Antonio Fernando Compostella in un’intervista al Gazzettino. “Un caso positivo di alcuni giorni fa per il quale il Servizio igiene ha mappato i contatti, ma non sono state date tutte le informazioni: una parte dei contatti che la persona aveva avuto non erano stati riferiti”, ha spiegato Compostella.

“Il completamento della mappa l’abbiamo avuto raccogliendo informazioni sulla famiglia del ragazzino che ci hanno permesso di metterle assieme con quelle che avevamo già e di capire che qualcuno non si è comportato in modo responsabile, dimenticando o omettendo, altri contatti che aveva avuto. Ci vuole responsabilità, non deve esserci alcuna ritrosia”, ha concluso. In Veneto al momento sono oltre 10mila le persone positive al coronavirus.

Condividi
  • 2.8K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2.8K
    Shares