Sostituto Commissario della Polizia di Stato e membro della scorta del presidente del Consiglio. È morto a Roma il poliziotto Giorgio Guastamacchia, 52 anni, che era risultato positivo al coronavirus a metà marzo.

Lascia due figli e la moglie. Nelle settimane precedenti il suo ricovero non aveva avuto contatti diretti con Giuseppe Conte, né aveva viaggiato sull’auto del premier.

La notizia della positività di Guastamacchia era stata diffusa il 21 marzo scorso. Dopo il ricovero, le sue condizioni erano subito peggiorate per via di una polmonite da coronavirus ed era stato intubato. Il Capo della Polizia Franco Gabrielli ha espresso cordoglio e di vicinanza ai familiari attorno ai quali si stringe la grande famiglia della Polizia di Stato.

Condividi
  • 8.9K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8.9K
    Shares