E’ “da intendersi consentito, ad un solo genitore, camminare con i propri figli minori in quanto tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all’aperto, purché in prossimità della propria abitazione”. E’ quanto prevede una nuova circolare inviata dal Viminale ai prefetti per “chiarimenti” sui divieti di assembramento e spostamenti per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Non è invece ancora consentita “l’attività sportiva (jogging)”.

Il Viminale ha poi spiegato che “le regole sugli spostamenti non cambiano”. La circolare si limita “a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale. In particolare, è stato specificato che la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione di spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute”.

Critiche dalle regioni: Gallera: “La circolare del Viminale mette a rischio gli sforzi fatti””Non è questo il momento di abbassare la guardia. La circolare diffusa dal ministero dell’Interno rischia di creare un effetto psicologico devastante, vanificando gli sforzi e i sacrifici compiuti finora”.

De Luca: “Messaggio gravissimo, l’epidemia non è alle nostre spalle”Sulla stessa lunghezza d’onda anche il governatore della Campania, Vincenzo De Luca: “Considero gravissimo il messaggio proveniente dal ministero dell’Interno. Si trasmette irresponsabilmente l’idea che l’epidemia è ormai alle nostre spalle. Si ignora tra l’altro, che vi sono realtà del Paese dove sta arrivando solo ora l’ondata più forte di contagio. Si rischia per una settimana di rilassamento anticipato, di provocare una impennata del contagio”.

Condividi
  • 456
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    456
    Shares
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.