L’inno d’Italia cantato da balconi e finestre in tutto il Paese. Da Milano a Roma ci pensa il ‘flashmob sonoro’ a tenere compagnia agli italiani in quarantena in casa. Riuniti sotto l’hashtag #unitimalontani, l’appello social è di aprire le finestre, uscire in giardino o sul balcone e suonare insieme: ‘Rallegriamo il paese’.

Per venerdì il suggerimento è di intonare l’Inno di Mameli, sabato ‘Azzurro’ di Adriano Celentano mentre domenica ‘Il cielo è sempre più blu’ di Rino Gaetano. L’ora X scatta tra le 18 e le 19 e a fare da accompagnamento alle voci, insieme agli strumenti, come chitarre e bongos, compaiono gli oggetti più disparati, dai coperchi per le pentole agli utensili per finire al batti mani.

L’iniziativa è apprezzata anche dal viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, che ringrazia “ogni cittadino responsabile” e tutti coloro “che combattono questa guerra che vinceremo”. E aggiunge: “Le nostre finestre e i nostri affacci sono le migliori bacheche per comunicare la nostra forza”. L’iniziativa ha coinvolto tutta l’Italia da Torino, dove le esibizioni live si sono concentrate nei quartieri della movida di San Salvario e Vanchiglia. Per la serie ‘Canta che ti passa’ a Milano, invece l’appello è alzare la voce, farsi sentire e il quartiere Bovisa si attrezza per cantare la ‘Canzone del sole’ di Lucio Battisti.

Apprezzamento sui social dal popolo Francese. Numerosi i commenti da Forza Italia, a chi punta il dito contro i governi d’Europa che hanno lasciato l’italia da sola. Altri invece temono che il #coronavirus potrebbe arrivare anche in Francia, e di organizzarsi all’Italiana cantando fuori dalle finestre.

Condividi
  • 268
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    268
    Shares
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.