Foto di repertorio

VALLEFOGLIA – Schiaffi ai carabinieri, si prende 3 mesi di carcere ma esce subito. Stava facendo avanti e indietro su via Roma a Vallefoglia quando alcuni automobilisti hanno dato l’allarme. Un uomo nella sera di domenica, visibilmente alterato, era un pericolo per sé e per gli altri. Il suo passeggiare su e giù per la carreggiata non garantiva sicurezza.

Non solo, alcuni passanti sono stati insultati verbalmente dal giovane. Si tratta di un italiano di origini ucraine di 32 anni. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Montecchio e lo hanno trovato addirittura sdraiato in mezzo alla strada. I militari si sono avvicinati quando l’uomo si è rianimato improvvisamente e ha iniziato a inveire contro i carabinieri. «Vi spacco la faccia» e ancora «Venite qua tanto non potete farmi niente».

I militari, vista la situazione, hanno chiamato il 118 per richiedere un intervento dei sanitari. Arrivata l’ambulanza, il 32enne inizialmente sembrava volesse accettare la visita ed è salito a bordo del mezzo. Ma subito dopo di scatto ha iniziato a inveire contro i medici e a tirare calci contro le cose. Ha scaraventato via qualche oggetto finché i militari sono intervenuti per fermarlo. Sono stati attimi frenetici in cui un carabiniere ha rimediato uno schiaffo in faccia. Un colpo che gli ha fatto rovinare a terra gli occhiali. Mentre un altro militare per fermarlo ha rimediato una lesione al polso giudicata poi guaribile in tre giorni. I tre carabinieri lo hanno definitivamente arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lo hanno portato via per i controlli in caserma. Risultava già noto alle forze dell’ordine con precedenti di polizia. Ieri mattina l’udienza di convalida dell’arresto.

Il giovane si è visto infliggere una condanna di 3 mesi e 15 giorni, con pena sospesa. L’ucraino ha chiesto scusa ai carabinieri durante l’udienza. L’altra sera aveva un tasso alcolemico oltre il consentito.

SOURCEcorriereadriatico.it
PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.