I sindacati della polizia hanno sollevato il problema e in risposta il Viminale ha spiegato che «da circa 10 giorni è stato attuato un piano nazionale di distribuzione dei dispositivi di protezione individuale per il personale della Polizia di Stato».

Ma a quanto pare le Questure, in prima linea nelle regioni a rischio, non ne hanno abbastanza. In un caso si è dovuto sopperire chiedendo in prestito alla scientifica guanti e mascherine. Dal Viminale assicurano che «ad oggi non c’è poliziotto senza strumenti idonei. Abbiamo guanti e mascherine in quantità sufficiente, ma nessuno può immaginare quanto durerà l’emergenza. Per questo distribuzione e utilizzo devono avvenire in maniera responsabile».

La stessa direttiva del 22 febbraio «raccomanda, nello specifico, negli uffici per il ricevimento del pubblico (immigrazione, passaporti, ecc.) di evitare il sovraffollamento dei locali e assicurare la frequente areazione degli stessi». E ordina di controllare che venga effettuata da parte delle ditte incaricate un’accurata pulizia e disinfezione delle superfici e degli ambienti con comune candeggina.

Condividi
  • 1.2K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1.2K
    Shares
SOURCEansa.it
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.