Nuovo caso di malasanità denunciato dai familiari di un paziente deceduto lo scorso 7 febbraio in seguito a un intervento chirurgico all’ospedale di Belcolle. Vittima un ex maresciallo dei carabinieri in pensione, Domenico Lippolis, di 63 anni.

Il 63enne era stato colpito da un ictus cerebrale lo scorso 30 dicembre. “Mio padre è stato ricoverato a Belcolle, dove sembrava avere recuperato, per cui è stato trasferito a Villa Immacolata per la riabilitazione, in regime di dimissioni protette, cioè restando in carico all’ospedale”, spiega il figlio Giovanni Lippolis.

“Quando ho saputo della tragica scomparsa della 17enne di Montefiascone, ho deciso di rendere pubbliche le circostanze sfociate nella morte di mio padre”, spiega.
Presso il centro di riabilitazione sulla Sammartinese, Domenico Lippolis sarebbe giunto con dei problemi di deglutizione e un calo di sensibilità al caldo e al freddo nella parte sinistra del corpo.

Ci hanno parlato di un intervento chirurgico di routine, con un rischio di mortalità inferiore a quello dei pazienti operati di appendicite. Ci hanno detto che l’operazione sarebbe durata due ore e mezza e che dopo 3-4 giorni sarebbe stato dimesso e rimandato a casa, senza dovere tornare a Villa Immacolata, perché stava bene e l’ictus poteva dirsi del tutto superato”, dice ancora il figlio.

La procura della repubblica di Viterbo ha aperto un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti in seguito all’esposto presentato dalla moglie Gianfranca Porcu, dai cinque figli Davide, Giovanni, Angela, Federico e Francesco.

Condividi
  • 1.5K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1.5K
    Shares
SOURCEtusciaweb.eu
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.