Durante un controllo eseguito nei confronti di tre persone da una pattuglia della Polizia Ferroviaria, nella stazione di Napoli Centrale, una di esse, una donna di 48 anni, napoletana residente ad Acerra, ha aggredito fisicamente e verbalmente un agente della Polizia di Stato semplicemente perché lo avrebbe riconosciuto quale autore dell’arresto operato la settimana prima nei confronti del suo compagno.

Alla richiesta di esibire un documento di riconoscimento la donna ha inveito contro il poliziotto cercando di sottrarsi al controllo, divincolandosi e cercando poi di far perdere le proprie tracce. Gli agenti sono riusciti a ristabilire l’ordine ed a condurre i fermati presso gli uffici di Polizia. L’aggressione è stata ripresa dalle telecamere del sistema di videosorveglianza della stazione di Napoli Centrale che hanno fornito la conferma delle responsabilità della donna. La stessa è stata arrestata per i reati di oltraggio, resistenza, violenza, minacce e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Al termine delle formalità di rito l’arrestata è stata condotta presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari in attesa di essere giudicata con rito direttissimo.

A seguito dell’intervento, il poliziotto ha riportato un trauma radico-cervicale e contusione alla spalla sinistra guaribili in 7gg.

Condividi
  • 848
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    848
    Shares
SOURCEilmattino.it
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.