La Spezia – Tragedia e dolore ieri mattina nella caserma Saletti della polizia di Stato, in via Nazario Sauro. Un poliziotto in servizio nella sala operativa della questura si è sparato con la sua pistola di ordinanza. La vittima aveva 48 anni e abitava con la moglie e due figli in Lunigiana. Ancora ignoti i motivi del tragico gesto che ha impressionato i colleghi e non solo. Il drammatico episodio è avvenuto verso le 10 negli spogliatoi del Cnes.

Nulla è trapelato dagli ambienti della polizia di Stato sulla dolorosa vicenda. Chi lo ha visto pochi minuti prima ha detto che nulla lasciava presagire alla tragedia. «Era tranquiillo». Poco tempo fa, aveva acquistato casa con la moglie e nel suo passato non c’è alcuna ombra. «Persona irreprensibile» lo ricorda con gli occhi arrossati un collega.

La salma è stata trasportata all’obitorio dell’ospedale Sant’Andrea a disposizione dell’autorità giudiziaria. Non è escluso che la procura disponga l’autopsia. Profondo cordoglio in città per la prematura scomparsa del poliziotto, che da anni lavorava con grande professionalità in questura. Era lui che rispondeva alle chiamate di soccorso e coordinava gli interventi delle volanti a difesa dei cittadini in pericolo o in difficoltà.

Condividi
  • 5.4K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5.4K
    Shares