Viaggiare, a 90 anni, può essere complicato. Soprattutto se si è sole e se si arriva in una città alla sera, senza conoscere nessuno e senza sapere come proseguire. È successo, qualche giorno fa, a una signora che da Roma doveva raggiungere una cittadina vicino a Ragusa: arrivata nella stazione di Catania alla sera, ha scoperto che il bus che doveva prendere sarebbe partito solo l’indomani. Niente soldi per l’albergo né conoscenze in città. Così la signora, a 90 anni, stava per accoccolarsi su una panchina per aspettare l’alba quando una pattuglia della polizia ferroviaria l’ha notata.

Gli agenti le hanno trovato un posto letto e l’hanno accompagnata presso delle suore che l’hanno ospitata per la notte. Poi, l’indomani, l’hanno accompagnata al bus e le hanno voluto offrire il biglietto.

Quindi hanno informato i colleghi della questura di Ragusa e il responsabile della Sala operativa ha mandato una volante ad incontrarla per farla arrivare a casa sana e salva. La storia è stata raccontata sul profilo Facebook della polizia, «Agente Lisa», dove è stata pubblicata anche una foto della nonna con i suoi due «nuovi nipoti».

Condividi
  • 387
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    387
    Shares
SOURCEilcorriere.it
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.