I funerali si svolgeranno nella chiesa di Cristo Re a Sulmona, a pochi passi dall’abitazione dove abitava con la madre.
La famiglia sta attendendo ancora il nulla osta dopo l’esame autoptico; intanto, proseguono anche le indagini ad alta quota per capire la dinamica dell’incidente.

Non si dà pace, come riporta Il Centro, un amico di Fabio Cicone che aveva cercato di dissuaderlo dall’andare in montagna solo e senza l’equipaggiamento adatto.

Il medico legale Ildo Polidoro ha eseguito la ricognizione che avrebbe confermato il decesso causato dall’impatto in seguito alla scivolata sulla pietra ghiacciata.

Da una prima ricostruzione sembrerebbe che per abbreviare i tempi di ritorno, Fabio Cicone, avrebbe deciso di prendere una scorciatoia poco battuta e pericolosa, a causa del fondo ghiacciato in questa stagione.

Non si trova inoltre il secondo telefono cellulare della vittima, che portava sempre con sé, essendo quello di servizio. L’altro telefono è stato trovato nella sua macchina.

È la quarta vittima sulle montagne abruzzesi in tre giorni: ad essere ritrovati nella giornata di domenica un 37enne di Città Sant’Angelo sul versante sud-ovest del Monte Camicia e due escursionisti sulla Maiella.

Condividi
  • 561
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    561
    Shares