Un mese dopo l’omicidio dei due poliziotti uccisi a Trieste, un gruppo di persone, invece di ricordarne il sacrificio, si raduna vicino al carcere, inforca il microfono (o un megafono) e legge un lungo testo per spiegare che una parte della città ha “brindato” all’omicidio dei due poliziotti.

“Qualcuno dice che di fronte a fatti del genere si sta zitti – si sente dire una ragazza – (perché) delle vite umane sono state uccise. Che solo la voce di Stato si deve sentire. Ma questo a noi non ci sta bene. Non ci sta bene perché noi le lacrime per i due poliziotti uccisi non le versiamo”. L’omicidio “scuote” la decina di manifestanti, certo. Ma loro vogliono anche capire “le cause sociali che portano a fatti del genere”, cioè a crivellare di colpi due agenti. “I due caduti hanno deciso di impugnare le armi servendo lo Stato – continua la capopopolo – La loro era una scelta consapevole. C’è chi lo fa per lo stipendio, chi perché crede di dare una mano, chi vuole un minimo di potere. Sono caduti facendo quello che facevano: cioè un servizio che danneggia la libertà. Imponendo con la forza delle leggi di altri, i quali sfruttano questi loro servizi e attraverso di essi sfruttano le masse assoggettate di ignoranti”.

La Digos ha già iniziato ad indagare. Durante la manifestazione era esposto uno striscione con scritto “La Libertà non si ingabbia” e l’inconfondibile simbolo dell’anarchia.

SEGUICI SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM:
https://t.me/polizianews

Ti potrebbe interessare anche: Crolla ufficialmente l’ultima bugia del killer del carabiniere Cerciello. Ci mostrarono il distintivo.

LEGGI ANCHE: Torino: Carabiniere investito, ricoverato in gravissime condizioni.

PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.