Non ha mai conseguito la patente. Così, quando la paletta dell’alt dei carabinieri di una pattuglia del Nucleo radiomobile si è abbassata inesorabile davanti al furgoncino, non ha trovato meglio da fare che premere sull’acceleratore e provare a scappare. Una reazione che è costata carissima a un agricoltore di 26 anni, di origini nigeriane, che lavora presso un agricoltore nella zona di Zumaglia.

comparso ieri per la convalida del fermo in tribunale, alla fine è stato arrestato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Ieri, difeso dall’avvocato Cristian Conz, ha ottenuto la liberazione (e l’obbligo di firma) il processo verrà celebrato il 20 novembre.

“Si è reso conto di aver commesso una sciocchezza – spiega a Eco l’avvocato Conz – tanto che anche durante l’udienza di convalida non ha trattenuto le lascrime. E’ un bravo ragazzo da tre anni in Italia, lavora per un agricoltore della zona, mi pare si tratti di un apicoltore”.

Spiegherà poi di aver preso il furgone per andare a prendere i fedeli e portarli alla messa della chiesa pentecostale, a Vigliano Biellese, per l’impossibilità del suo pastore, con il quale collabora facendogli da sacrestano.

SOURCEecodibiella.it
PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.