Un uomo di 40 anni, residente nel villaggio indonesiano di Gesikan, è stato dichiarato morto ma si è presentato a casa dalla famiglia sette ore dopo il suo funerale. Com’è stato possibile? “L’incidente è accaduto realmente, ma c’è stato un errore”, ha detto il capo della polizia di Grabagan Adj. Comr. Ali Kantha a kompas.com.

L’uomo che ha perso la vita in uno scontro con la moto a Tuban, East Java, non aveva infatti i documenti di identità ma il mezzo era registrato a nome di Sunarto. Da qui, l’idea che la vittima fosse il 40enne al quale era intestata la moto.

“La famiglia ha lavato il corpo e lo ha preparato per il funerale ma è stato impossibile riconoscerlo a causa delle ferite”, ha aggiunto il capo della polizia al Jakarta Post. I funerali si sono così svolti e il presunto corpo dell’uomo è stato cremato. Poche ore dopo il funerale, quando Sunarto si è presentato a casa, ha spiegato di aver dato la sua moto a un uomo, Wariim, la vera vittima dell’incidente, con il quale era in debito tre mesi prima.

PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.