Dopo le pagine ufficiali di CasaPound, questa mattina Facebook ha nascosto anche quella de Il Primato Nazionale, testata che si definisce «sovranista» vicina alla formazione di estrema destra.

«La censura di Facebook si abbatte sul Primato Nazionale. Stamattina intorno alle ore 9 il social di Mark Zuckerberg ci ha comunicato che la nostra pagina e’ stata nascosta. Dunque per quasi 90 mila utenti che avevano cliccato mi piace non sarà più possibile vedere aggiornamenti, notizie e semplici post. Una vera e propria censura», scrive Simone Di Stefano di CasaPound sul sito della testata. L’editore della testata ha annunciato che è pronta a portare in tribunale il social network.

Nelle settimane scorse Facebook e Instagram avevano oscurato le pagine di Casapound e Forza Nuova, con queste motivazioni: «Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Candidati e partiti politici, così come tutti gli individui e le organizzazioni presenti su Facebook e Instagram, devono rispettare queste regole, indipendentemente dalla loro ideologia». «Gli account che abbiamo rimosso – proseguiva la nota del social network – oggi violano questa policy e non potranno più essere presenti su Facebook o Instagram».

SOURCElastampa.it
PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.