FOTO DI REPERTORIO

VENEZIA – Prima c’erano state le minacce: il cane abbaiava troppo e disturbava. Una storia che doveva finire, in un modo o nell’altro. Poi, all’improvviso, quelle parole si erano tramutate in realtà il 10 ottobre il 79enne, residente a Fossalta di Piave, in provincia di Venezia, alla vista del cane della sua vicina di casa a passeggio lungo la strada che costeggia la sua abitazione, aveva accelerato e puntando la propria macchina in direzione del cane – un meticcio di piccola taglia – lo aveva investito, lasciandolo senza vita sul ciglio della strada e proseguendo la sua corsa.

Senza fermarsi. E senza nemmeno modificare la traiettoria dell’auto, nonostante la stessa proprietaria del cagnolino avesse più volte segnalato la presenza dell’animale sulla strada.

Nel processo il PM ha chiesto una condanna a due mesi di carcere, si attende ora la sentenza nei prossimi giorni.

Condividi
  • 552
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    552
    Shares
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.