In corso la manifestazione organizzata davanti a Montecitorio da Fdi e Lega per protestare contro il governo, in concomitanza dell’intervento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte iniziato alle 11 nell’Aula della Camera, in vista del voto di fiducia di questa sera. «Salutiamo i poltronari chiusi in questo momento nel palazzo. Chiediamo onore e dignità», ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando dal palco. «Non mollare, Matteo, non mollare!», gli hanno gridato i suoi sostenitori.

La gente affluita in piazza Montecitorio è stata rallentata dai blocchi tecnici delle forze dell’ordine predisposti per la sicurezza. Durante l’inno nazionale alcuni militanti hanno cantato alzando il braccio destro e facendo il saluto romano, messi sull’attenti, cantando a squarciagola e avvolti dal tricolore. In piazza, nessun simbolo di partito ma solo bandiere con il tricolore riprodotto anche sui palloncini che spiccano in alto ai lati del palco. Insieme alle bandiere compaiono anche due striscioni con su scritto «In nome del popolo sovrano. No al patto della poltrona».

Uno striscione con la scritta «Ladri di democrazia» e primi cori a chiedere all’unisono «elezioni subito», «Bibbiano, noi non dimentichiamo!». In altri, le parole: «Renzi, Di Maio, fuori dai coglioni, il popolo vuole libere elezioni». Dopo l’inno di Mameli, la playlist dell’attesa ha previsto Edoardo Bennato con Viva la mamma e Alan Sorrenti con Siamo figli delle stelle. Alla manifestazione indetta da Fratelli d’Italia ha preso parte, oltre a Salvini e Meloni anche il presidente della Liguria Giovanni Toti. Intanto, fischi e cori «buffone-buffone» sono stati rivolti al premier Conte dalla piazza, quando lo speaker di FdI ha annunciato che «a breve il presidente Conte parlerà in Aula».

Condividi
  • 609
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    609
    Shares
SOURCEilcorriere.it
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.