(Sassari) Il figlio di Beppe, 19 anni, e tre coetanei genovesi sono indagati per violenza sessuale e sono stati interrogati in procura della repubblica a Tempio Pausania. La Storia cominciata il 16 luglio in un locale di Porto Cervo. Ciro, uno dei 4 figli del fondatore e garante 5Stelle, è in vacanza con gli amici.. Musica forte, drink, fra le ragazze ai tavoli vicini c’è una bionda… Sguardi incrociati, simpatia rapida, qualche cocktail di troppo. A notte inoltrata, la proposta:«Che si fa? Andiamo a casa?».

I due si appartano in una delle camere da letto. Gli altri sopraggiungono più tardi. Quel è accade è fissato nel video di un telefonino e non lascia dubbi: il rapporto sessuale c’è stato e con tutti i ragazzi. Ma le immagini — sequestrate con cellulari, smartphone e computer dalla magistratura — si prestano a opposte interpretazioni.

«È evidente, era violenza» sostengono gli avvocati della modella. «Le sequenze — è la tesi dei difensori dei quattro — sono chiare. Non c’è stato stupro ma consenso pieno».

Non c’è stata denuncia immediata. La giovane ha proseguito la vacanza in Costa Smeralda, è ritornata a Milano dopo una decina di giorni e soltanto allora — sottolineano i difensori di Ciro Grillo e degli amici — si è presentata dai carabinieri e ha deciso di farsi visitare in una clinica. E ha firmato un verbale con termini forti: costrizione, stato psicofisico alterato, ripetute violenze. Il rapporto dei carabinieri ha innescato l’inchiesta della procura della repubblica di Tempio Pausania, competente per territorio, con accertamenti su telefonate e scambi di messaggi nei cellulari, avvenuti anche dopo il 16 luglio.

PSNEWS.IT ha iniziato la sua attività nel 2013. Siamo un gruppo di persone, blogger, poliziotti, uniti da una missione, quello di divulgare l’immagine delle forze dell’ordine e il suo impegno istituzionale in Italia e all’estero, attraverso notizie, video, comunicati sindacali.