Un macello abusivo scoperto nel Saluzzese. Due persone denunciate per macellazione abusiva e maltrattamento di animali. Rinvenuti i resti di almeno 35 capre, altri animali che erano pronti per essere uccisi e poi preparati in vista di una festa religiosa. L’operazione è stata condotta dai carabinieri forestali di Saluzzo.

«Il lavoro investigativo – spiegano dall’Arma – è partito dall’osservazione di movimenti sospetti in una macelleria islamica e all’interno della cella frigorifera sono state rinvenute diverse carcasse sprovviste del bollo sanitario di macellazione. A quel punto, dopo alcuni approfondimenti e con la preziosa collaborazione della locale stazione dell’Arma e dei veterinari dell’Asl Cn1, si è proceduto al controllo di un allevamento nella campagna saluzzese dove c’erano diversi uomini, tutti di origine Nordafricana».

I militari nei dintorni dell’azienda agricola hanno ritrovato resti di decine di animali. Altri erano ancora vivi e stavano per essere macellati.

« Le condizioni igienico – sanitarie in cui veniva svolta l’attività – proseguono i forestali – e i grossolani attrezzi adoperati sono risultati fin da subito inadeguati e assolutamente precari. I resti degli animali, ad esempio, erano sparsi a terra o posti in carriole e in una grossa benna da trattore».

Gli accertamenti proseguono e sono in fase di definizione le sanzioni amministrative per il mancato rispetto delle norme sull’igiene e sui rifiuti, per importi da 10 a 20 mila euro.

Condividi
  • 435
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    435
    Shares
SOURCElastampa.it
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.