In natura esiste un pesce che usa l’elettricità per cacciare le sue prede o per difesa. Questo sistema di shock elettrico è molto simile a un Taser, utilizzato dalle forze dell’ordine.

Un’anguilla elettrica adulta può generare 400 impulsi elettrici al secondo pari a 630 volt, mentre un Taser in dotazione alle forze dell’ordine genera 19 impulsi al secondo a circa 50.000 volt.

Entrambi quindi paralizzano la vittima sovraccaricando i normali impulsi elettrici dal cervello ai muscoli, provocando spasmi e paralisi.

Ma fa più male la scarica di un Taser a 50 mila volt o i 600 volt di un’anguilla elettrica?

Non farti ingannare dai numeri, un Taser anche se ad alto voltaggio non è stato concepito per uccidere, la differenza sta negli ampere.
Mentre un taser ad alto voltaggio sprigiona appena pochi milliampere, un’anguilla elettrica con voltaggio molto più basso sprigiona 1 ampere di tensione, che può friggere i tessuti, quindi uccidere un essere umano in pochi minuti.

In conclusione quindi, non conta il voltaggio, ma la tensione, un’anguilla genera un voltaggio inferiore al taser, ma ad altissima tensione.

Condividi
  • 95
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    95
    Shares
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.