Nassiriya, 12 novembre 2003. Pietro Sini, appuntato dei Carabinieri, 55 anni, si salvò per puro caso durante un attentato dove persero la vita 28 persone a causa di un ordigno esplosivo piazzato all’ingresso della base dei soldati italiani.

Pietrò da solo, trasportò fuori da quell’inferno i feriti. Cercò di fare il possibile per salvare i suoi colleghi, in un delirio di sangue e di corpi devastati dall’esplosione.

Al suo rientro in Italia l’appuntato venne premiato con la medaglia d’oro al valore militare da Giorgio Napolitano. Una medaglia che però ha restituito un anno fa al comando generale dell’Arma, perchè non gli ha riconosciuto l’aggravamento della sua invalidità, ferma al 25%.

“Stamani hanno bussato alla mia porta i carabinieri per consegnarmi una notifica: il ministero dell’Interno, che gestisce le benemerenze, mi chiede di risarcire lo Stato delle spese sostenute per realizzare la medaglia che ho restituito, con grande dolore, per denunciare il trattamento ingiusto riservato a me e ad altre vittime del dovere e del terrorismo. Sì, proprio il ministero dell’Interno di Matteo Salvini, che fa del rispetto per i militari e delle forze dell’ordine uno dei suoi punti d’onore. Per me è stata l’ennesima umiliazione”. La somma da restituire è di 1458, 01 euro, IVA inclusa. È chiaramente una richiesta assurda di indecenza da parte di uno Stato che troppo spesso abbandona completamente uomini che hanno dato e danno la loro vita per servirlo.

In tutto questo, nessuno parla di una vera e propria escalation di suicidi di uomini delle forze dell’ordine: 252 casi dal 2010 allo scorso anno. Tra marzo e aprile 2019 la media è stata di uno a settimana, 22 suicidi di agenti di forze dell’ordine da gennaio a oggi, 4 carabinieri, un agente di polizia locale, uno della Guardia di finanza. Ma ben 7 erano agenti della Polizia penitenziaria, 9 quelli della Polizia di Stato.

Abbiamo completamente smarrito la decenza.

Condividi
  • 307
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    307
    Shares
SOURCErepubblica.it
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.