Era stata annunciata nei giorni scorsi: sarà depositata venerdì — negli uffici della Procura di Roma — la querela di Carola Rackete contro Matteo Salvini. Il suo difensore, Alessandro Gamberini, è in attesa della firma digitale della donna. La comandante della Sea Watch accusa il ministro dell’Interno di istigazione a delinquere e diffamazione e chiede che vengano bloccati gli account social del vicepremier «propalanti messaggi d’odio».

Le parole utilizzate dal ministro «nei confronti della mia assistita — ha spiegato il legale della donna — la stanno esponendo ad eventuali aggressioni: una vera e propria istigazione a delinquere». Nel mirino ci sono le parole e gli insulti pronunciati in diretta Facebook e ribaditi attraverso i canali social del leader della Lega.

Il botta e risposta tra Salvini e l’avvocato di Carola, Alessandro Gamberini era iniziato i giorni scorsi. Il legale aveva annunciato una querela e il ministro con un tweet aveva risposto: «Infrange le leggi e attacca navi italiane, e poi mi querela. Non mi fanno paura i mafiosi, figurarsi una ricca e viziata comunista tedesca! Bacioni».

Condividi
  • 671
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    671
    Shares
SOURCEilcorriere.it
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.