Teoricamente la razza umana dovrebbe essere estinta dal 2012 a causa della profezia Maya, con tanto di film catastrofico, teoria poi ritrattata l’anno successivo a un semplice cambiamento epocale. Estinzione rimandata agli anni successivi.

Dal 2015 in poi ci siamo evoluti con i lampi gamma provenienti da una stella morente che avrebbe dovuto spazzarci via con un micidiale fascio di luce, chiamato appunto lampo gamma, un raggio di luce miliardi di volte superiore alla luce solare. Siamo sopravvissuti anche a questo.

Gli asteroidi sono sempre presenti ogni anno, fortunatamente ci sfiorano sempre, anche se i media ipotizzano sempre scenari devastanti.

Tralasciando il passato parliamo del 2019, anche quest’anno siamo a rischio estinzione, a settembre un asteroide denominato QV89 2006 dovrebbe schiantarsi sulla terra, dicono così, almeno nei titoli, leggendo poi nel dettaglio si scopre che le probabilità di impatto solo lo 0.013%, praticamente le stesse di fare 6 al superenalotto 200 mila volte di seguito.

La verità e che non sappiano quasi nulla di quello che circola sulle nostre teste, la prova l’abbiamo avuto a fine 2018, un asteroide ha colpito la terra, ma nessuno se n’è accorto. un’esplosione da 173 chilotoni ma nessuno l’ha vista. Stiamo parlando del 18 dicembre scorso alle ore 11,48 del mattino ora locale, all’altezza di 25.600 metri dalla superficie sopra il mare di Bering tra l’Alaska e la Siberia, alle coordinate 56,9N 172,4E, una colossale roccia spaziale di una dozzina di metri pesante 1.400 tonnellate è entrata nell’atmosfera terrestre alla velocità di 32 chilometri al secondo. L’impatto con l’aria ha fatto esplodere il bolide in una palla di fuoco. Tale esplosione se si fosse verificata in zone abitate, avrebbe provocato la morte di milioni di persone. Dell’impatto se ne parlo solo tre giorni dopo.

Più potente ancora è stata la sfera di fuoco da 440 chilotoni rilevata nel 2013 a Celjabinsk, in Russia: il botto nel cielo fece esplodere migliaia di finestre i cui vetri ferirono 1.500 persone.

In conclusione, prevediamo impatti futuri a distanza di 100 anni, ma ci sfuggono ancora gli impatti di ieri.

Condividi
  • 65
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    65
    Shares
Adelio Gentile
Webmaster - Blogger - Web Editor. Esperto CMS Open Source Word Press, Joomla, SEO Manager Search Engine Optimization e Search Engine Marketing. E-mail: info.topscreen@gmail.com