Un social network ( facebook, Instagram, Twitter) è considerato un mezzo pubblico e non di uso privato come molti erroneamente pensano.

Pubblicare un post con frasi offensive verso un’altra persona si va incontro al reato di diffamazione aggravata a mezzo stampa. Reato punito dalla legge con una multa fino a 1.032 euro, e 1 anno di carcere.

Lo stesso reato si applica anche quando si offende tramite un social network un istituzione, o corpo militare ( Polizia, Arma dei Carabinieri). Anche se esiste la libertà di parola e di pensiero come stabilito dalla costituzione Italiana, esistono dei limiti.

Chiunque quindi tramite un post o un commento offende pubblicamente con frasi denigratorie l’onore e il prestigio di un corpo di polizia/militare, va incontro al reato di diffamazione aggravata, reato punito dalla legge con una multa di 1.032 euro, e 3 anni di reclusione.

La diffamazione scatta anche quando i contenuti vengono pubblicati privatamente sui profili personali, anche se privati attraverso i social network, rappresentano una forma di “comunicazione con più persone attraverso le condivisioni” e, pertanto, corrisponde perfettamente al reato di diffamazione come stabilito dall’art. 595, III comma, Cp.

Leggi anche: Che succede se diffondo notizie false su facebook?

Ti piace la polizia? Acquista il modellino della Lamborghini Huracan della Polizia di stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  • 1.2K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1.2K
    Shares
Adelio Gentile
Webmaster - Blogger - Web Editor. Esperto CMS Open Source Word Press, Joomla, SEO Manager Search Engine Optimization e Search Engine Marketing. E-mail: info.topscreen@gmail.com