La piccola Noemi stamattina si è svegliata, ha aperto gli occhi dopo 7 giorni di coma indotto. Grande emozione per i genitori oltre che per i medici e gli infermieri dell’ospedale Santobono di Napoli, dove la bimba ferita in un agguato di camorra a Napoli il 3 maggio era ricoverata in Terapia intensiva.

“Il risveglio di Noemi è stato un momento di commozione per tutto l’ospedale – ha detto la manger del Santobono Anna Maria Minicucci – aspettavamo questo momento da una settimana. Grande soddisfazione e gioia per tutti noi”. Da questa mattinata la piccola è stata portata ad uno stato di sedazione non profonda e attualmente respira spontaneamente, supportata da ossigeno ad alti flussi, senza necessità di ventilazione meccanica. La prognosi resta riservata.

Ma, “nonostante il riserbo e la prudenza necessari – spiega – ci faceva piacere dare questa bella notizia nello stesso giorno in cui è stato arrestato il presunto responsabile di questa vicenda, grazie al grande lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura”. Nei prossimi giorni si terrà probabilmente una conferenza stampa “nella quale spiegheremo tutto quello che abbiamo fatto e, se vorranno, potranno essere presenti anche i genitori di Noemi, ai quali in questi giorni abbiamo garantito tranquillità e accoglienza, rispettando il silenzio dignitoso di tutta la famiglia della piccola.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
SOURCEREPUBBLICA.IT
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.