????

«Ma noi che stiamo ancora a fare in mezzo alla strada?». È la domanda che si fa un agente di polizia sfogandosi con i colleghi su una chat di gruppo.

Il riferimento del poliziotto va a un fatto accaduto alcuni giorni fa in una cittadina del Lazio. Due ladri vengono presi dopo che hanno rubato in un appartamento. «Un arresto aggravato per furto in abitazione», spiega l’agente nell’audio. Le forze dell’ordine recuperano la refurtiva: 60mila euro di preziosi, che vengono subito restituiti al legittimo proprietario, che identificando i due ladri riconosce tra loro l’operaio che tempo prima gli aveva fatto i lavori in casa. I malviventi vengono processati per direttissima, ma l’amara sorpresa è dietro l’angolo: il giudice non dà loro nessuna misura, li lascia a piede libero, senza neanche l’obbligo di firma. Oltre il danno la beffa e il lavoro degli agenti, compiuto con tanto sacrificio, viene vanificato.

Uno dei ladri è incensurato, l’altro ha precedenti per reati simili risalenti al 2012. Viene riconosciuta la buona condotta negli ultimi sette anni e la reiterazione del reato non viene considerata. Ecco allora lo sfogo del poliziotto con i colleghi: «Mi chiedo che ci stiamo a fare in mezzo alla strada, a correre, al freddo, ad ammazzarci, a rischiare la pelle. Scrivi una montagna di carte, il verbale di arresto – prosegue -, li devi fotosegnalare, avvisi l’avvocato e il giudice. Non riesco più a capire. La legge è uguale per tutti?». La risposta è quanto mai scontata: «No».

Siamo sfiduciati. Vediamo malviventi, spesso clandestini, lasciati liberi dopo che con tanto sacrificio li abbiamo presi. Montagne di carte inutili. Spesso passano anni per i processi e in tribunale non si presenta nessuno, perché questa gente sparisce». Oltretutto gli agenti devono spesso anticipare le spese di trasferta per andare a testimoniare. Soldi che riavranno dopo anni.

Condividi
  • 5.1K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5.1K
    Shares
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.