Nella giornata di mercoledì 27 marzo 2019 il Senato ha approvato in via definitiva il testo del dl 4/2019, il cosiddetto “decretone” contenente, insieme alla riforma delle pensioni, anche la misura simbolo del governo M5s: il reddito di cittadinanza.

Vediamo quindi quali sono i cambiamenti introdotti in via definitiva.

+50 euro al mese per i nuclei familiari numerosi e con membri disabili.
Per quanto riguarda la pensione di cittadinanza, essa verrà concessa anche nel caso in cui il componente del nucleo – di età pari o superiore a 67 anni – conviva solamente con una o più persone in condizione di disabilità grave o non autosufficienza.

Alzata inoltre da 5 mila a 7mila 500 euro la soglia del patrimonio mobiliare per l’accesso al sussidio per ogni componente con disabilità grave o non autosufficienza.

Finti divorzi e genitori single. Questa è una modifica introdotta per evitare che alcuni “furbetti” intascassero un doppio sussidio dopo aver appositamente divorziato o cambiato residenza. In entrambi questi casi, infatti, il reddito di cittadinanza può essere ottenuto dal suo richiedente solo se separazione o divorzio sono successivi al 1 settembre 2019, mentre il cambio di residenza deve invece essere certificato da un apposito verbale della polizia locale.

Più privacy sugli acquisti con la RdC Card. Il controllo sulle spese da parte dello Stato potrà essere effettuato solo relativamente agli importi spesi e prelevati con la card (non, quindi, per le singole spese).

Obbligo di accettare solo le offerte con salario oltre gli 858 euro. L’obbligo di accettare una proposta di lavoro per il beneficiario del RdC scatterà solo con un salario di oltre 858 euro al mese.

Servizi sociali per i beneficiari. I beneficiari del reddito di cittadinanza hanno l’obbligo di svolgere nel Comune da un minimo di 8 a un massimo di 16 ore settimanali di servizi utili per la collettività.

Offerte di lavoro tramite sms o mail. I centri per l’impiego e i Comuni avranno la possibilità di convocare i beneficiari del sussidio anche tramite mezzi informali (sms o mail).

Per altre info leggi qui

Condividi
  • 56
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    56
    Shares
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.