Facebook, è reato accedere con account del coniuge. Lo ha stabilito la cassazione in una sentenza: Accedere su facebook con i dati del coniuge anche se forniti di sua spontanea volontà è reato.

I fatti – Palermo: una donna porta in tribunale il suo ex marito per una violazione del suo account Facebook, infatti quest’ultimo accedeva abitualmente con i dati della sua ex moglie per spiare le conversazioni. I dati di accesso al profilo erano stati rivelati quando la coppia era ancora in buoni rapporti. Dopo la separazione l’uomo ha comunque continuato ad accedere al suo account senza autorizzazione.

Per questi motivi il tribunale di Palermo, con successiva sentenza della Cassazione, ha condannato l’uomo per abuso di sistema informatico. Nulle le richieste della difesa, la donna avrebbe potuto cambiare i dati di accesso, ma questo non giustifica il reato. Pertanto da oggi sappiamo che usare l’account facebook di un familiare, o dell’ex coniuge costituisce reato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  • 81
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    81
    Shares
Rosa Mancini
Mi chiamo Rosa Mancini 38 anni. Sono una persona positiva, propositiva, affabile e risoluta, appassionata di social media e Internet. Mi piace il mio lavoro anche a livello sociale, dare un mio piccolo contributo a insegnare come usare Internet e le nuove tecnologie attraverso la pubblicazione online e la condivisione.