Cosa succede quando un poliziotto – o un vigile del fuoco – si fa male durante il servizio? Pensate che a differenza degli altri lavoratori dipendenti, né la Polizia di Stato né i Vigili del Fuoco hanno la copertura assicurativa INAIL che li tutela in caso di infortunio sul lavoro.


Anzi, mentre fino a qualche anno fa i Vigili del Fuoco potevano contare sulle tutele dell’ONA (Opera Nazionale di Assistenza), disdetta dal Governo nel 2013 per mancanza di fondi, la Polizia di Stato vive da sempre questa situazione.
Un problema di cui si è fatta portavoce Striscia la Notizia, che in questi giorni ha intervistato Enzo Fiorentino, segretario provinciale del SAP.


Nel servizio viene posta l’attenzione sulla grave mancanza del nostro ordinamento; come si può affidare la sicurezza del Paese in mano a delle persone che a loro volta non sono assicurate dai rischi che derivano dal loro lavoro?
Quella appoggiata da Striscia la Notizia è una causa di particolare rilevanza, che negli anni scorsi è stata oggetto di diversi interventi in Parlamento. Nonostante i vari appelli, però, ancora oggi Polizia di Stato e Vigili del Fuoco non hanno una copertura assicurativa INAIL e ciò rappresenta un serio problema in caso di infortunio.


Vediamo cosa succede oggi quando un poliziotto si fa male sul lavoro ed è costretto a rivolgersi alle cure del sistema sanitario.


Nel dettaglio, il primo accesso al Pronto Soccorso non lo paga, però tutto quello che ne consegue – visite, terapie, cure specialistiche – sono a carico del dipendente il quale è obbligato a pagare il ticket sanitario.


I soldi spesi per curarsi dall’infortunio vengono quindi anticipati dal dipendente, il quale poi può richiedere il rimborso. Tuttavia la restituzione delle spese avviene solo nel caso in cui al dipendente infortunato sul lavoro venga riconosciuta la causa di servizio. E per farlo, i poliziotti devono affrontare una lunga trafila burocratica che porta all’eventuale riconoscimento della causa di servizio solo dopo molto tempo.

Per provare a risolvere questa situazione paradossale, Fiorentino ha approfittato delle telecamere di Striscia la Notizia per fare un appello: “bisogna trovare una soluzione per far sì che i poliziotti siano esonerati dal pagamento del ticket in caso di infortunio sul lavoro”.


FONTE: Money.it

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
PSnews
Sostenitori della Polizia di stato pagina dedicata alla POLIZIA DI STATO. Questo mezzo nasce per divulgare l'immagine e il suo impegno istituzionale in Italia e all'estero.