Automobilista scrive una lettera alla vedova del poliziotto morto. Suo maritò mi fermò per il telefonino....

Suo maritò mi fermò per il telefonino, ma invece di multarmi mi ha aiutato”. E’ la commovente lettera di un automobilista alla vedova di Giuseppe Beolchi, il poliziotto rimasto vittima di un incidente stradale lo scorso 20 dicembre, mentre era in servizio sulla A1 Milano-Napoli.

Poco dopo la tragedia, su Facebook era scattata una vergognosa protesta. Qualcuno ha postato la foto dell’auto dei poliziotti coinvolta nell’incidente con un Tir, con la scritta: “Buon natale maledetti poliziotti“. Si è reso necessario l’intervento della polizia postale che ha tempestivamente rimosso la foto e individuato il responsabile.

Ora la lettera di questo automobilista, uno dei tanti che l’agente Beolchi, in servizio alla questura di Piacenza, ha fermato nel corso della sua lunga carriera, sembra restituirgli dignità. Alla vedova l’uomo racconta di quando fu fermato dal marito, perché aveva commesso una infrazione al Codice della Strada. Ma invece di perdere tempo a staccargli la multa, l’agente capì il dramma di quel papà, in giro per le farmacie di tutta la Lombardia alla ricerca di un farmaco per il suo bimbo di un anno.

Gentile signora Beolchi,
lei non mi conosce. Le scrivo dopo aver letto la notizia della tragedia occorsa a Suo marito. Le racconto un episodio in cui l’ho incontrato.
Nell’inverno del 2016, una sera, mentre percorrevo l’A1, credo all’altezza di Casalpusterlengo, una vettura della polizia stradale, una Bmw station wagon, mi ha lentamente affiancato, poi mi ha sorpassato e sul display posto sul tetto è apparsa la richiesta di accostare.

Ero al telefono con mia moglie, ricordo di averle detto che dovevo chiudere subito, dato che la polizia mi stava fermando e che l’avrei richiamata.
Dall’auto è sceso Suo marito, credo fosse capo pattuglia, quindi sono sceso anche io. Con fare piuttosto brusco e deciso mi ha contestato che stavo utilizzando il cellulare alla guida. Gli ho dato subito ragione, avevo effettivamente il telefono in mano che stavo utilizzando in viva voce e non ho accampato nessuna scusa. Mi sono permesso però di spiegare la ragione del perché ero al telefono senza tutte le cautele del caso. Il mio secondo figlio, che aveva poco più di un anno allora, era stato dimesso dall’ospedale di Parma a seguito di continue crisi di vomito per cui non cresceva e aveva bisogno del Ranidil, un farmaco che di fatto era introvabile in quanto la produzione era temporaneamente sospesa.
Per questo lo avevo cercato a Milano, dove lavoro, in più farmacie ma senza trovarlo, avevo quindi telefonato a diverse farmacie di paesi lungo l’A1 senza successo, adesso sarei uscito a Piacenza per provare lì. Suo marito, senza battere ciglio, ha lasciato perdere il motivo per cui mi aveva fermato, ha preso il suo cellulare e ha telefonato a un suo conoscente farmacista di San Rocco, il quale dopo poco gli ha confermato di avere forse un farmaco equivalente. Quindi, mi ha lasciato andare dopo avermi spiegato in dettaglio la strada e senza rinunciare a un richiamo ad avere maggiore attenzione, ricordandomi che mi aspettavano dei bambini a casa.
Andai subito in quella farmacia, con poca fiducia nel trovare il farmaco, ma anche per gratitudine per Suo marito e forse pensando anche che avrebbe controllato se la mia fosse stata una scusa.
Ricordo che il farmaco c’era, per quanto non in sciroppo ma in pastiglie, che avrei dovuto prima triturare e che poi sarebbe stato difficile dosare con cura, lo presi comunque.

Al mio arrivo, avevo detto al farmacista che ero il signore mandato dall’agente della polizia stradale, che aveva telefonato poco prima, lui disse «ah, si, Giuseppe» e fece qualche complimento alla sua persona che ora non ricordo. Ecco come seppi il nome.
Quell’episodio mi è rimasto impresso nella memoria. La trasparenza della scala di valori di Suo marito, che già allora sospettai essere padre oltre che agente delle forze dell’ordine, senza una prevalenza dell’uno o dell’altro in quella situazione. Dato il motivo del mio essere al telefono, non ha ritenuto di multarmi, ma allo stesso tempo non ha rinunciato a richiamarmi per farmi riflettere sull’accaduto.
Da allora, quando più o meno settimanalmente percorro l’A1, osservo sempre con attenzione le pattuglie della stradale.
Quando ho notato la notizia su di un quotidiano on line, si parlava di polizia stradale e di quel tratto dell’A1, l’ho aperta immediatamente con timore perché avevo letto il nome Giuseppe anche se la foto era quella di un ragazzo molto giovane. Ho inserito nome e cognome su Facebook e in una foto più recente purtroppo ho riconosciuto subito Suo marito.
E ho letto del numero dei suoi figli, capendo ancora di più il suo gesto di quella sera.

Non ci sono parole, tantomeno mie, che possano lenire la sofferenza Sua e dei Suoi figli, l’immensità improvvisa di questa perdita in un periodo dove le famiglie si riuniscono e si celebrano. Ho pensato tuttavia che il ricordo di Suo marito attraverso gli occhi di uno sconosciuto potesse esservi di sollievo, per quanto in misura minima, come una goccia nell’oceano. Mi auguro di non essere stato invadente.

COMMENTI

Invia Notizia

Vuoi pubblicare una notizia sul nostro sito?
Collabora con noi. Clicca QUI

Ti suggeriamo

Nome

ALBUM,1,ANDROID,15,ANIMALI,86,APP,11,ASSICURAZIONI,1,ASTRONOMIA,15,AVVOCATI,24,BUFALE,70,BULLISMO,6,CARABINIERI,296,CONCORSI,26,CONSUMATORI,1,CRONACA,1057,CURIOSITA',61,CYBERBULLISMO,2,ECONOMIA,1,ESERCITO,1,EUROPA,1,EVENTI,12,F.A.Q.,27,FACEBOOK,125,FORZE ARMATE,1,GALLERY,1,GIORNALE ONLINE,10,GIUSTIZIA,225,GOSSIP,16,GUARDIA DI FINANZA,15,LAVORO,13,LEGGE,3,LOTTO,4,MANIFESTAZIONI,19,MEDICINA,39,METEO,187,MIGRANTI,271,MONDO,164,NATURE,16,NEWS INDIA,1,NOTIZIE ASSURDE,71,POLITICA,192,POLIZIA,543,PRIMO PIANO,316,SALUTE,41,SCIENZA,10,SMARTPHONE,42,SOCIETA',98,SOFTWARE,1,SPETTACOLO,20,SPORT,33,TECNOLOGIA,49,TERREMOTI,111,TERRORISMO,21,TRUFFE,83,TRUFFE ONLINE,106,VIDEO,355,VIGILI DEL FUOCO,33,VIRUS,36,WEBCAM,1,WHATSAPP,78,WINDOWS,3,
ltr
item
PSnews.it: Automobilista scrive una lettera alla vedova del poliziotto morto. Suo maritò mi fermò per il telefonino....
Automobilista scrive una lettera alla vedova del poliziotto morto. Suo maritò mi fermò per il telefonino....
https://1.bp.blogspot.com/-TKutQ8CkQ40/Wmsfp649CmI/AAAAAAAAP1Y/Tau9pdeQPlILo43_Tf-MClcoImN2KBU8wCLcBGAs/s640/Incidente-Giuseppe-Beolchi.jpg
https://1.bp.blogspot.com/-TKutQ8CkQ40/Wmsfp649CmI/AAAAAAAAP1Y/Tau9pdeQPlILo43_Tf-MClcoImN2KBU8wCLcBGAs/s72-c/Incidente-Giuseppe-Beolchi.jpg
PSnews.it
http://www.psnews.it/2018/01/automobilista-scrive-una-lettera-alla.html
http://www.psnews.it/
http://www.psnews.it/
http://www.psnews.it/2018/01/automobilista-scrive-una-lettera-alla.html
true
6811837748241448615
UTF-8
Loaded All Posts Non ci sono altri post VEDI TUTTI LEGGI TUTTO Reply Cancel reply Delete By Home PAGES POSTS View All RECOMMENDED FOR YOU LABEL ARCHIVE CERCA ALL POSTS Not found any post match with your request TORNA ALLA HOME Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April Maggio June July August September October November December Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic just now 1 minuto fà $$1$$ minutes ago 1 ora fà $$1$$ hours ago Oggi $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow THIS CONTENT IS PREMIUM Please share to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy